Ciao, sono Daniela. Dirigente d’azienda atipico, mentore in leadership e speaker ispirazionale.

Questo blog raccoglie le riflessioni di 25 anni di vita lavorativa sui temi che più mi affascinano:

- La motivazione, ovvero che cosa ti spinge (o non ti spinge o potrebbe spingerti) ad alzarti il lunedì mattina;
- L’efficacia, che sta al perfezionismo come un piatto di carbonara sta a una tartina al salmone quando muori di fame;
- La consapevolezza, che a volte si confonde con l’autostima, ma a differenza di quest’ultima non può mai essere in eccesso;
- La leadership, promettendo di non pubblicare mai alcuna vignetta sulla differenza tra un capo e un leader;
- Lo humour, perché due bicchieri di leggerezza al giorno puliscono l’organismo da cinismi e piagnistei.

Spero che ti piaccia e ti sia utile.

Articoli recenti

Chi sono - Daniela Castegnaro
fade
9
page-template-default,page,page-id-9,edgt-core-1.1,kolumn child-child-ver-1.0.0,kolumn-ver-1.3,,edgtf-smooth-page-transitions,ajax,edgtf-theme-skin-light,edgtf-blog-installed,edgtf-header-standard,edgtf-fixed-on-scroll,edgtf-default-mobile-header,edgtf-sticky-up-mobile-header,edgtf-animate-drop-down,edgtf-search-covers-header,edgtf-side-menu-slide-from-right,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
Daniela Castegnaro chi sono

Ingegnere, pesci, luna in Capricorno e mamma preside, studentessa modello prima e poi seria professionista e manager fino al ruolo di Amministratore Delegato, ho portato tailleur, collana di perle e testa bassa fino a 47 anni. Poi il mio matrimonio ventennale è andato in frantumi, come nella più banale delle storie, e io mi sono accorta che la vita che avevo vissuto non mi somigliava più, io non mi somigliavo più.

Ho frequentato un Master in Coaching, ho imparato a ridere e comunicare autenticamente coi miei due figli, ho buttato i tailleur e indossato i jeans in ufficio e ho capito che le ansie da prestazione, in famiglia come in azienda, sono inutili e dannose.

Guardandomi indietro mi sono detta ‘brava’ per la prima volta e guardando avanti ho deciso che, con la mia esperienza manageriale e le competenze di coaching che ho acquisito, posso aiutare le altre donne a non rifare gli stessi errori che ho fatto io.

Arrivata a 50 anni ho finalmente smesso di ‘chiedere il permesso’; riesco ad essere sorridente e disponibile e al tempo stesso assertiva e sicura di me. Continuo a fare lo stesso lavoro di prima, ma sono un’altra persona. Più vera, più consapevole, più felice.

Vorrei che lo foste tutte. Magari anche prima dei 50.